Leggerò Leggero

Appunti di Cooperazione Internazionale

#IoNonSonoPilato. Cinque preti ci scrivono

A cura di Don Gustavo Bacuzzi, Don Matteo Bettazzoli, Don Roberto Falconi, Don Antonio Perico, Don Fabio Picinali

 

papa-7

Fonte: Agora24.it

Tacere, non tacere

Sfogliare la margherita del “Tacere” “Non tacere” in attesa di capire se è il tempo opportuno o meno per intervenire in questo preciso momento della nostra storia rischia ancora una volta di lasciare correre le cose lasciando che sia la storia a giudicare. Noi vogliamo giudicare e dire la nostra ora, per non diventare complici di ciò che sta accadendo. Non vogliamo essere dei novelli Pilato che si lavano mani (e soprattutto coscienza). Noi: alcuni preti di Bergamo ma in primis, cristiani e cittadini italiani. Poniamo alcune parole di un ipotetico dizionario che raccolga i termini che sembrano racchiudere e descrivere meglio l’attuale stagione culturale sociale e soprattutto politica. La sintesi non agevola e non permette di raccogliere tutte le sfumature: per questo lasciamo che questo dizionario immaginario si possa riempire anche delle vostre parole.

B come banalità. La parola fortemente evocativa rimanda al testo di  Hannah Arendt. Oggi la banalità diventa superficialità, pressapochismo, incapacità di pensiero e di introspezioneappiattimento sui bisogni (per lo più indotti), narcisismo ed egoismo, disinteresse alla res pubblica. L’elenco potrebbe continuare e la parola banalità ci sembra un ottimo contenitore per descrivere il tempo che viviamo, sciatto e trasandato come un cencio. Il colore predominante è il grigio: è necessario recuperare anche gli altri colori!

I come irresponsabiliL’etimologia della parola “responsabilità” rimanda all’abilità\capacità di saper rispondere, di rendere ragione davanti ad un fatto, ad una richiesta, a ciò che mi interpella. Non si appella a “magiche manine” ed a oscuri complotti orditi da chissà chi. Oggi si preferisce viaggiare a slogan che, come i fuochi pirotecnici, sono belli ma svaniscono subito. Non esiste più il dialogo ma si preferisce starnazzare nel proprio recinto e si fa del proprio ombelico il luogo del pensiero. La persona abile e capace di rispondere medita, organizza il pensiero e attraverso la riflessione e lo studio elabora una risposta capace di tracciare percorsi di senso nell’oggi e avendo come meta il domani, rendendo ragione delle scelte prese. Il tutto in una logica di relazione e non di contrapposizione, di divisione fra buoni\cattivi, bianchi\neri, ecc. In altri termini, progetta, o se preferiamo alla Martin Luther King, ha un sogno.

M come memoria. Le generazioni che – loro malgrado – hanno visto e provato sulla loro pelle gli orrori delle guerre mondiali e del ventennio fascista stanno scomparendo. Stanno venendo meno i testimoni e ciò comporta lo spezzarsi del filo che tiene accesa la memoria, unico antidoto ai corsi e ricorsi della storia. Elementi antichi, già visti, si fondono nelle mutate condizioni attuali ma alcuni dinamiche, legate all’uomo in sé, travalicano le coordinate temporali e spaziali. La memoria consegnata dai testimoni è l’unica in grado di plasmare nelle nuove generazioni lo sguardo critico su ciò che sta avvenendo. Non farsi rubare la memoria non è solamente uno slogan: è questione di sopravvivenza.

P come paura. Da piccolini ci minacciavano che se non facevamo i bravi l’uomo nero ci avrebbe portato via. Trattandoci e lasciandoci trattare come bambini siamo rimasti ancora ad una fase infantile della nostra società. Ci dobbiamo difendere dall’uomo nero, ora in senso letterale ora metaforico. Tutto diventa minaccia e così anche un senegalese che alle 2 di notte va a lavorare in un panificio (vedi l’aggressione accaduta a Sondrio nella notte di sabato 13 ottobre) diventa un gravissimo pericolo da cui difendersi. Ne va della nostra identità. Quale sia non si sa bene… non certamente cristiana cattolica visto che i ragni ormai prosperano tranquillamente nelle nostre chiese… non certamente italiana ma nemmeno padana visto che il Po, come un elastico, lo spostiamo ora più in su ora più in giù.

U come uomo. Anzi, Superuomo! L’uomo forte che decide per tutti, pensa a tutti e a tutto sistemando con piglio ogni situazione e risolvendo ogni problema. Spina: quella dorsale, quella che collega il cervello al nostro corpo… possiamo anche farne a meno con un uomo così. Oggi il modello delega funziona fin troppo bene salvo poi protestare quando l’uomo forte va a ledere i nostri interessi. Ma il suo sguardo è come quello di una mamma stanca dei capricci dei propri bambini: ci ignora e se ne va per la sua strada.

Noi concludiamo qui, nel desiderio di risvegliare coscienza e cervelli e soprattutto di rivitalizzare corde vocali che fino ad ora restano fin troppo mute.

Fonte: Pixabay

Don Gustavo Bacuzzi, Don Matteo Bettazzoli, Don Roberto Falconi, Don Antonio Perico, Don Fabio Picinali, parroci della Diocesi di Bergamo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: